L’isola delle schegge di follia

Alienarsi dalla realtà, perdere il controllo di sé, abbandonandosi alla follia è ciò che accade quando la stanchezza lascia il posto alla malattia, e la pazzia prende il sopravvento. È di solito l’imprevidibilità correlata allo stato d’insanità mentale a spaventare la gente comune, ecco perché dai primi anni del Novecento si è cercato d’indagare la psiche nel tentativo di trovare una cura all’alienazione che sfugge alla comprensione umana. Tra i diversi approcci applicati fondamentale si è rivelato l’esperimento di Nieuw Dennendal, compiuto negli anni ’70 nei Paesi Bassi, che è divenuto il punto di partenza di un’ambiziosa ricerca artistica condotta dal Domenico Mangano & Marieke van Rooy, duo artistico formatosi nel 2014. Basato sul concetto di antipsichiatria, la sperimentazione olandese prevede la prossimità fisica tra i soggetti danneggiati e sani, che vanno a stemperare le dinamiche di polarizzazione e gerarchizzazione del gruppo malato. Verificando personalmente le derive prodotte dalla prova, gli artisti recatisi nelle Antille Olandesi per quattro mesi hanno convissuto a fianco dei pazienti della clinica psichiatrica sull’isola di Caracao e collaborando con loro nell’ambiente eterogeneo hanno realizzato il documentario When the Whistle Glares, presentato in occasione della mostra omonima ospitata presso la galleria Magazzino di Roma. Il film affronta il concetto di diluizione insito nella ricerca antipsichiatrica: partendo dal metodo repressivo adottato all’interno dei manicomi si osserva come quest’ultimo si sia evoluto verso un più libero trattamento psichiatro determinando un progresso senza precedenti. Il vento acquista un ruolo principale all’interno della terapia. Nella personale sono presenti inoltre diverse sculture in terracotta facenti parte della serie Color Draft, Mental Reef. Forme tubolari dai colori vivaci si intrecciano, sovrapponendosi, ricordando l’estetica del cervello umano; le strutture sono cave così da rendere possibile il passaggio dell’aria e del vento, trasmutandosi in strumenti a fiato. Anche qui il ricorre, stavolta accresciuto, il fenomeno della diluzione. Interessante la ricerca di Mangano e Van Rooy, si afferma come una stuzzicante scommessa, vinta dal coraggio e dall’istinto, che portano alla luce le vibrazioni di una realtà sommersa, in cui l’anomalia gioca duplicemente un doppio ruolo.

Questo slideshow richiede JavaScript.